Cosa ci siamo persi? Barbaresco Montestefano Rivella, il mistero e la longevità

Il Montestefano è tra i migliori vigneti dell’intera denominazione Barbaresco. La sua posizione appena periferica, l’essere una collina alta e ripida, l’esposizione meridionale ben riparata dai venti, sono tra gli aspetti che lo caratterizzano profondamente. Altri cru come Rabajà, Asili e Pajè, situati a pochi metri dall’anfiteatro della Martinenga, contengono la finissima ricercatezza propria del Barbaresco.

Il Montestefano invece conserva un potenziale misterioso, capace di esiti imprevedibili. Quando si ha il coraggio di coltivare le viti di Nebbiolo e vinificare le uve senza imbrigliarne il potere tannico, scaturisce un’autorevolezza senza mediazioni, enigmatica, ostica, a tratti inaccessibile. Comincerà da qui la nostra avventura, a guidarci sarà il vino, un esemplare di purissima essenzialità.

Degusteremo sette vini, di cui sei annate di Barbaresco Montestefano in verticale, il modo migliore per toccare finalmente il reale concetto di terroir.

 

Prezzo euro 70,00

 

Per informazioni e prenotazioni

Annamaria Punzo

porthosracconta@gmail.com

0653273407

3271806474

 

  • 00

    giorni

  • 00

    ore

  • 00

    minuti

  • 00

    secondi

Data

26 Set 2022

Ora

19:30 - 22:30

Costo

70.00€

Luogo

Porthos Racconta
Via Laura Mantegazza 60-62, 00152 Roma

Organizzatore

Sandro Sangiorgi
Email
maestro@porthos.it
Nessun commento

Posta un commento