logo porthos

Indipendenti da sempre,
ci occupiamo di vino, cibo e cultura

Il tuo carrello è vuoto

ico fbico twico isico gplusico ytico yt

Storie

Dialogo tra due enofili impenitenti

Indice articoli

Ti aspetti di trovare poesia in una rivista di poesia?
Le cose non sono così semplici.
Charles Bukowski

ATTO II

Carmelo – C’è un tema che mi sta molto a cuore.
Sandro – Quale?
C – Il binomio vino e salute.
S – Io l’ho sempre considerato una fuorviante forzatura.
C – Ricordi il Paradosso Francese?
S – Era la fine degli anni ottanta. La tesi – peraltro suggestiva – era, in sintesi, la seguente: la mortalità per malattie cardiovascolari dei francesi in linea con la media europea, nonostante l’elevato consumo di materia grassa (formaggi e latticini), era da attribuirsi al regolare accompagnamento dei pasti con il vino, in particolare quello rosso.
C – E si giunse a questa conclusione quando studi successivi portarono alla scoperta del famigerato resveratrolo, uno dei componenti polifenolici del vino rosso, quale fonte di queste (ipotetiche) virtù salutistiche. Questa tesi è stata poi nel tempo corroborata da altri studi provenienti da vari paesi, tra cui gli USA. Con il tempo, però, la verità viene sempre a galla, e infatti, proprio all’inizio del 2011 esce fuori che proprio un illustre luminare della Connecticut University, Dipak Das, negli ultimi 15 anni aveva falsificato i dati delle sue ricerche sul resveratrolo, inventato sperimentazioni e piegato i risultati alle conclusioni che evidentemente gli facevano più comodo.
S – Ma gli studi su vino e salute non si limitano certo al resveratrolo. Tanto per fare degli esempi, ma è come cavar gocce da un oceano, nel 2009 un’altra scoperta arrivò dalla Norvegia, con un titolo emblematico: “Ansia e depressione tra astemi e deboli consumatori di alcol”. In sintesi, uno studio dell’Università di Bergen condotto su 38.000 persone arrivò a stabilire che chi non beve è più soggetto a depressione o ansia rispetto a chi invece alza un calice in compagnia. Nel 2010 invece, per fare un altro esempio, uno studio a campione pubblicato sulla rivista Alcoholism: Clinical & Experimental Research, stabilì che gli astemi muoiono prima di chi beve con moderazione. In pratica chi non beve vino vivrebbe meno a lungo di chi si concede – al massimo – tre bicchieri al giorno.
C – Più recentemente, nel giugno 2012, uno studio del Dipartimento di medicina molecolare dell’Università di Padova ha confermato quanto, a grandi linee, era già stato ratificato a suo tempo dalla teoria del paradosso francese: il beneficio del nettare di Bacco risulta particolare quando la dieta è ad alto contenuto di grassi e, se assunto con moderazione, è tra i principali fattori di riduzione dei rischi legati al sistema cardiovascolare.
Nulla poi di così nuovo sotto il sole. E potremmo continuare ad libitum. Se digitiamo “vino e salute” su qualunque motore di ricerca emerge un tale universo di dati che non basterebbe una vita a visionarlo tutto. Poi, qualche mese fa, sulla copertina di un’importante rivista del settore leggo tra i titoli: “Basta con le storie! Il vino fa bene”. Questo modo così categorico, risoluto, di porre la cosa, mi ha destato qualche perplessità. Poi mi è venuta casualmente in aiuto un’intervista a un illustre nutrizionista, oggi purtroppo scomparso, che ho trovato sul web. E che, oltre a rivelarsi un importante elemento chiarificatore, giustificava, in un certo senso, i miei ragionevoli dubbi.
S – Oltre che categorico, anche rischioso.
C – Infatti. In quell’intervista, in modo altrettanto risoluto, l’insigne studioso esordiva con questa con-fortante affermazione: “Il vino è un alimento, e tutte le volte che a un alimento si danno proprietà terapeutiche, si sbaglia. Il cibo non è una medicina!”.
S – Ippocrate diceva: “Che il cibo sia la tua unica medicina”.
C – E questo è un concetto un po’ diverso. È vero che il vino contiene antiossidanti, vitamine, sali minerali e immuno-stimolanti ma ha anche un importante componente che non si può assolutamente sottovalutare e che di certo salutare non è: l’alcool. Affermazioni come quella riportata sulla rivista potrebbero indurre qualche sprovveduto ad abusarne proprio perché spinto dall’infondato monito “il vino fa bene”.

Libri

La Rivista