logo porthos

Indipendenti da sempre,
ci occupiamo di vino, cibo e cultura

Il tuo carrello è vuoto

ico fbico twico isico gplusico ytico yt

Per scoprire il viaggio di Davide prima dell′11 maggio, giorno dell′attracco a Porthos:  viteinviaggio365

Vite in viaggio

8 maggio - de Fermo, fato e risveglio

Quando avevamo nove anni io e Federico comprammo una bottiglia di vino perchè eravamo curiosi di toglierle il tappo e sentire se davvero c’erano tutti quei profumi di cui parlavano le riviste. Mia madre scese proprio nel momento in cui stavamo stappando la bottiglia e ci chiese cosa stavamo facendo. La spontaneità di quella sperimentazione d'infanzia ci permise di continuare. State attenti ci disse e ci lasciò soli con le nostre scoperte.
La notte, a pochi passi dal mare, mi sono addormentato con queste parole di Stefano. Anch’io, allora, avevo nove anni e ricordo la libertà del fare e dell'andare curiosi e liberi di scoprire il mondo. C’è chi ha stappato una bottiglia di vino, chi ha giocato in strada al pallone, chi ha esplorato grotte che si aprivano nella montagna sopra il paese, chi ha contato e chi si è nascosto in un “nascondino” vasto come una prateria senza confine, chi ha bevuto dalla fontanella come fosse un’oasi nel deserto perchè il gioco e la scoperta lo avevano sfinito. Dove sono andati quei tempi? Quali preoccupazioni, quali insicurezze hanno posto divieti e limitazioni per un'infanzia che ancora vorrebbe stare fuori, libera, senza confine? Pure l’asfalto sembrerebbe una cosa bella se calpestato da un’orda bambina che grida e che prova a crescere così come viene.

Le sette, il mare se ne sta tranquillo, sul marciapiedi che costeggia i bar e gli stabilimenti balneari corrono probabili e improbabili corridori solitari o in coppia.
Stefano mi aiuta a caricare le cose in auto e partiamo verso le colline.

Oggi si imbottiglia. Tutto bene? Non ti hanno creato problemi le cozze crude di ieri?
No, no, tutto bene. Cosa imbottigliamo?
Montepulciano.

Dopo una quarantina di minuti siamo a trecento metri sopra il mare. In alto la neve della Maiella e del monte Camicia, attorno, piccoli colli verdi e alberati. Loreto Aprutino.

La Maiella, il Monte Camicia, Loreto Aprutino - Porthos Edizioni

Qui è sempre stata una questione di agricoltura. Sono terre che hanno conosciuto il lavoro incessante di uomini e donne.

Tra un campo e l’altro, vecchie costruzioni di pietra, la pietra che riposa sotto la terra di questi luoghi.

Casa Finocchio a Loreto Aprutino - Porthos Edizioni
Il sogno di mia moglie... mettere apposto questa casa e venirci a stare con i figli. Sui registri della proprietà figura come casa Finocchio ed era usata dai contadini fino alla metà del ’900.

Casa de Fermo detta Finoccio a Loreto Aprutino - Porthos Edizioni -
La prima volta che vidi la donna che sarebbe divenuta mia moglie stavo leggendo Abelardo e Eloisa .
Le chiesi come si chiamava e lei rispose Eloisa .
Poi scoprì che la famiglia possedeva delle terre coltivate a ulivo, grano e vigneto. Vidi quelle terre, ci camminai e ci camminai con senso di riscoperta.
Iniziai a conoscere la vigna dal fattore che abitava la parte ancora in buono stato della casa settecentesca della famiglia de Fermo.

Stefano nella vigna de Fermo - Porthos Edizioni
L’ultima vendemmia che era entrata in quella casa risaliva agli anni cinquanta quando Carlino de Fermo chiuse la porta della cantina e se ne andò via.
Un giorno decisi di provare tutte le chiavi che erano appese all'interno di un piccolo sportello.
Ero sicuro che qualcosa ci sarebbe ancora stato.
Finalmente una chiave si mise a girare nella serratura del portone. Dentro, la prima cosa che vidi fu una Campagnola e dietro delle botti, alcune rotte altre intere.

La Campagnola di Casa Finocchio - Porthos Edizioni
Sul braccio di Stefano i segni di un’emozione che si rinnova ad ogni ricordo, pelle d’oca.

Ho sentito che dovevo far qualcosa. Che qualcosa mi chiamava per essere risvegliato. Era mio dovere dare un seguito alla Storia di uomini e donne che erano passati e che avevano lasciato un destino.

Lo guardo mentre cammina nel campo di favino cresciuto fino alla sua vita.

Stefano nel campo di fave dell'azienda de Fermo - Porthos Edizioni
Quel destino è stato preso sul serio, lo si vede da come cresce la vigna e il grano e le spighe del Senatore.

Spiga di grano Senatore - Porthos Edizioni

Andiamo adesso che Matteo e Marco ci aspettano per cominciare.

E la vedo quella cantina che dopo un letargo di mezzo secolo ha ritrovato le luci che illuminano botti e vasche in cemento, e mani di uomo che portano e prendono e visitatori curiosi che assaggiano ciò che è atto a divenire, e ancora attese e sorrisi e imprecazioni e odore di vino.
La botte di Montepulciano 2013 è pronta per essere messa in bottiglia. Stefano, Marco e Matteo controllano le ultime cose e si comincia il lavoro.

Botte di Montepulciano d'Abruzzo 2013 de Fermo - Porthos Edizioni
Le bottiglie si riempiono a due a due, poi il tappo e infine il riposo verticale, dritto.
Tra una pausa e l'altra, aspettando che la pompa peristaltica accompagni con delicatezza il vino nell'imbottigliatrice, assaggiamo.

Imbottigliatrice nella cantina dell'Azienda de Fermo - Porthos Edizioni
Il primo sorso è qualcosa in movimento, una natura che messa in moto mostra la propria elasticità muscolare, dinamica.
Col passare del tempo, un tempo breve, il vino si rimette assieme, un corpo solido e importante sorretto da fragranze di acidità e complesso.
Ancora è presto ma lui già si fa vedere per quello che potrebbe essere e batte armonico nel palato la sua intravista melodia.

Bottiglie di Montepulciano d'Abruzzo 2013 de Fermo - Porthos Edizioni
È uno scorrere di fluidità. Le bottiglie si allineano mentre la botte si svuota.
Marco controlla il livello del liquido. Le sue parole di accento duro e a me quasi incomprensibile, i suoi lineamenti netti, il portamento e lo sguardo, come fossero portatori di un mondo e di un modo, un fare contadino, antichità.

Marco nella cantina dell'Azienda de Fermo - Porthos Edizioni
Gli ultimi tappi, le ultime bottiglie, poco più di duemila alla fine e tutte intere.
Il respiro leggero dopo aver imbottigliato un'annata e la voglia di assaggiare gli altri vini per non farli sentire gelosi di non essere Montepulciano d'Abruzzo.

Bicchiere di Montepulciano d'Abruzzo de Fermo 2013 - Porthos Edizioni
Allora versiamo dalle botti qualche lacrima di Cerasuolo d’Abruzzo, di Chardonnay, di Pecorino della vendemmia passata.
Il Cerasuolo entra dentro con la sua fresca e leggera riduzione e una densa atmosfera che sembra salire dalle carni rosate e affumicate di un salmone circondato da bucce d’agrume.
Il Pecorino non vede l’ora si farsi avanti con la sua spinta di onda di mare, intensa e ricca di vita.
Dei tre vini lo Chardonnay appare più sulle sue. Il suo corpo mostra una struttura complessa che deve ancora sciogliere braccia e gambe. Rannicchiato, in attesa di un tempo d’espressione diverso sussurra un canto intonato come a schiarirsi la voce prima dell'esibizione.

Cerasuolo, Chardonnay, Pecorino de Fermo - Porthos Edizioni
Torniamo in mezzo alla vigna, camminiamo tra gli ulivi e la luce assopita del giorno.
Stefano mi racconta altre storie della famiglia e della terra dove ci troviamo.
Si ferma dove vede un germoglio cresciuto troppo in basso e lo toglie dalla vite poi riprende a raccontare.

La vigna de Fermo a Loreto Aprutino - Porthos Edizioni
Quando cammino per queste terre mi sento anello di una catena fatta da uomini e donne che erano qui prima di me. Non so chi verrà dopo ma per ora sento la solidità e la sicurezza di stare qui a far crescere le cose, a risvegliare una casa disabitata da anni, a ridestare una parte di mondo dove altri potranno far vita.

La cantina de Fermo a Loretino Aprutino - Porthos Edizioni
Sulla s.s. 81 poche auto, qualche bicicletta che sale verso Ascoli, le ultime luci riflettono le bianche vette della Maiella.

Senti Stefano, domani vorrei fare una ripresa all’alba, mi piacerebbe stare qui e dormire sopra la cantina.
Sei sicuro?
Sì, sarà anche un modo per esplorare gli spazi addormentati e nascosti.
Bene, nella stanza vicino alla terrazza c’è un letto. Ci vediamo domattina, carichiamo le cose e andiamo a Navelli.
Sì, sono curioso di vederlo questo paese e di sentire l’aria di montagna.

Il sole è tramontato quando comincio a aprire le porte di spazi sconosciuti.

Stanze della vecchia casa de Fermo a Loreto Aprutino - Porthos Edizioni
Accanto alla casa, le stanze che servono da magazzino e da ricovero per trattori e mezzi agricoli.

Stanze della vecchia casa de Fermo a Loreto Aprutino - Porthos Edizioni
Salendo le scale incontro un portone di ferro. Dentro spazi vuoti e cassette di legno con la scritta Carlino de Fermo. Qui doveva essere il posto dove appassivano le uve.

Stanze della vecchia casa de Fermo a Loreto Aprutino - Porthos Edizioni
Torno al centro del cortile e guardo la casa davanti a me.
Un senso di solidità e fermezza come a intendere che le cose sono state fatte così per restarci lungo gli anni, le vite, i terremoti, le morti.
Dentro ogni stanza nasconde un segreto.

Stanze della vecchia casa de Fermo a Loreto Aprutino - Porthos Edizioni
Una seconda pelle.

Stanze della vecchia casa de Fermo a Loreto Aprutino - Porthos Edizioni
Un passare del tempo.


Stanze della vecchia casa de Fermo a Loreto Aprutino - Porthos Edizioni
Affacciato al terrazzo attendo il domani guardando le stelle. Non c’è paura di essere solo in un luogo, basta toccare la pietra del muro, il suo vecchio e sbiadito colore e sentire la terra da dove tutto proviene, ascoltare la voce dell’aria, prender per mano la vita e la morte.
 

Riviste

Libri